La Val di Vara Versione Italiana
Il mare della Val di Vara
MANGIARE E BERE

Ristoranti

COMPRAR CASA

Agenzia immobiliari

IDEE PER UNA GITA A SESTA GODANO
Antessio Antessio
Il territorio comunale di Sesta Godano è molto vasto e interessato da numerosi borghi ricchi di storia, grazie anche alla vicinanza della Toscana e del passaggio di pellegrini e mercanti che ciò significava nell’antichità.
Nei pressi del capoluogo, a poco più di 3 km si trova Rio, villaggio fortificato caratterizzato da massicce volte, case torri e da alti edifici che formano una struttura muraria continua. In località La Costa sorge Palazzo Fieschi, edificio residenziale fortificato, antica residenza di Adelaide Fieschi. Il palazzo è caratterizzato da un corpo centrale a forma rettangolare del XIV secolo, più volte restaurato nel corso dei secoli. La chiesa di Santa Cristina venne eretta nel XVIII secolo, anche se la cappella originaria, filiale della pieve di Robiano, era già stata menzionata in alcuni documenti del XII secolo.
A 6 km dal capoluogo, a nord di Rio, sorge Groppo, posto sulla pendice meridionale del Monte Gottero. Sede di un castello raso al suolo nel 1174 dalla Repubblica di Genova, il borgo ha mantenuto integro il suo impianto medievale, con le case disposte una accanto all’altro a difesa dell’abitato. Da segnalare sulle facciate delle prime abitazioni del centro storico, alcune teste apotropaiche.
Spostandoci nella parte nord orientale del territorio, troviamo i borghi di Pignona, Airola, Antessio, Chiusola e Orneto. Pignona è posto a 5 km da Sesta Godano, raggiungibile percorrendo la provinciale Casa Maestra-Pignona-Antessio. Il piccolo paese rurale era in origine dipendente dalla pieve di Robiano. L’abitato si sviluppa attorno alla chiesa di Santa Croce, eretta su un antico edificio preesistente del XIV secolo. Airola si trova a 3 km da Pignona. Il paesino è caratterizzato dal quattrocentesco santuario di Nostra Signora della Fontana, costriuto in seguito ad una apparizione miracolosa. Dal borgo, in altri 3 km si arriva ad Antessio, adagiato nel verde dell’Appennino ligure, dove si trova la chiesa di San Lorenzo. Più a nord, a 6 km da Antessio e 8,5 da Sesta Godano ecco Chiusola, antico possedimento malaspiniano, menzionato in alcuni documenti del 1268 e negli statuti di Pontremoli del XIV secolo. Oggi si presenta come un tipico borgo montano, caratterizzato da strette viuzze, scalinate ed archi sviluppatisi attorno alla chiesa di San Michele. Nei paraggi sorge il santuario della Madonna della Penna, sito a metà strada tra Chiusola e Orneto. Quest’ultimo si incontra ai confini con il comune di Zeri. Conserva l’oratorio seicentesco della Vergine del Monte Carmelo, costruito con sassi e lastre di arenaria.
Nella parte sud orientale di Sesta Godano incontriamo, a poco più di 7 km dal capoluogo in direzione Zignago, Scogna. Dipendenza della Pieve di Cornia, conserva la chiesa di San Cristoforo, dove si trova un gruppo ligneo policromo raffigurante la Sacra Famiglia durante il viaggio in Egitto. Proseguendo verso Zignago, dopo altri due km, giungiamo a Santa Maria, famosa per la festa del Paese e la Festa del cacciatore. Da Scogna è possibile arrivare anche ai bei borghi di Cornice e Mangia, più facilmente raggiungibili dalla SP566 in 10 km da Sesta Godano. Cornice si trova su un promontorio a strapiombo sul fiume Vara, da cui si godono meravigliosi panorami che abbracciano i borghi di Borghetto Vara, Brugnato, Godano, le Alpi Apuane e la pianura del fiume Magra. Del vecchio castello, menzionato nel 1299, oggi non resta quasi nulla. Citato per la prima volta nel 1027, fu in epoca medioevale possedimento dei Malaspina a cui seguì Genova. Secondo la tradizione, Mangia venne invece eretto per volere della famiglia toscana dei Cerchi, rifugiata in Lunigiana durante le battaglie tra guelfi e ghibellini. Il paese dall’aspetto rurale, presenta case in pietra a vista e conserva la chiesa di Sant’Anna. Bergassana infine, si trova isolata a 7 km a sud da Sesta Godano, lungo una deviazione della provinciale 566. Nel paese si trova la chiesa di Sant’Andrea del 1133, dipendente dall’abbazia di Bugnato, poi ricostruita completamente nel XVIII secolo.




Per approfondire:

Sesta Godano



Torna indietro