Notice: Undefined variable: metakeywords in /home/w52549/domains/invaldivara.it/public_html/datos/top.php on line 20
La Val di Vara
La Val di Vara
ITINERARI

Borghi e paesi

MANGIARE E BERE

Ristoranti

Enoteche

GASTRONOMIA

Gastronomia

COMPRAR CASA

Agenzia immobiliari

SESTA GODANO
Vista di Sesta Godano Vista di Sesta Godano
Sesta Godano è formato dall’unione di due borghi: Sesta, il cui nome deriva dalla distanza del paese di sei miglia romane dal borgo di Bugnato, e Godano, celebre per il suo forte, eretto a scopo difensivo dell'antica strada per Pontremoli. L’intera zona è protetta da monti che uniscono la Lunigiana toscana all'Emilia.
Dal punto di vista politico, il comune dipese dalla diocesi di Luni prima e da quella di Brugnato poi, fino a quando, nel 1133, passò nella mani dei Malaspina di Mulazzo. Tuttavia, fortemente ambito dalla repubblica di Genova, sul territorio di Sesta Godano si scatenarono tortuose battaglie che spinsero i genovesi a distruggere, nel XII secolo, il castello di Groppo. Nel 1229 Godano passò nell’orbita del Comune di Pontremoli; occupato dai Fieschi, nel 1274 venne ceduto dagli stessi a Genova. Successivamente tornò sotto l’egemonia dei Malaspina che ne detennero il potere fino al 1524, anno in cui il possedimento feudale si svincolò dal terribile dominio malaspiano. Ciò fu possibile grazie all’assassinio di Alessandro Malaspina, avvenuto nel 1524 nella foresta del Malconsiglio. Gli abitanti di Sesta Godano si concessero quindi definitivamente alla repubblica di Genova, fornendosi tuttavia di statuti propri. Sesta Godano seguì il destino di Genova fino all’evento dell’unità d’Italia.
Nel 1803 Godano inglobò nel suo territorio i paesi di Scogna, Antessio, Bergassana, Chiusola, Pignona, Sesta e Cornice. Nel 1875, il comune di Godano cambiò il suo toponimo con quello di Sesta Godano.
La chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta risale al XVIII secolo e mostra uno stile barocco. È un rimaneggiamento della vecchia chiesa di Robbiano, intitolata a Santa Maria e San Marco. In origine la chiesa vantava una giurisdizione che si estendeva fino a Rio, Groppo e Godano. Nel paese spicca il ponte medievale adagiato sul fiume Gotero e la via Vecchia, ricca di sontuose decorazioni e portici dall’architettura elaborata.
La torre ottogonale di Godano inoltre è ciò che resta oggi dell’antico forte del borgo. Eretta a difesa della via che conduceva a Pontremoli, la torre domina oggi l’area che dalla Lunigiana si estende fino all’entroterra spezzino.

Fotografia: Wikipedia



Torna indietro